Casco di protezione e documentazione tecnica posti su un impianto fotovoltaico
assistente tecnico

Scritto da Fabio Colucci

Batteria fotovoltaica: le cose da sapere sulla scheda tecnica

FacebookTwitterLinkedinEmail

Per i non addetti ai lavori non è semplice consultare la scheda tecnica di una batteria fotovoltaica per accumulo di energia e comprendere il significato delle varie voci. In questo articolo ti spieghiamo com'è fatta una scheda tecnica, quali dati contiene e come leggerli, per poter scegliere batterie dalle prestazioni elevate e con le migliori garanzie. Se l’idea è quella di confrontare più schede tecniche per capire qual è il miglior prodotto per te, qui trovi un valido aiuto alla lettura.

Quale sistema di accumulo scegliere
By playing the video, you load content from YouTube, a service of Google LLC. You can find more information on how data is processed in Google LLC's data protection declaration.

Batteria fotovoltaica o sistema di accumulo?

Innanzitutto dobbiamo fare una distinzione tra sistema di accumulo e batteria d'accumuloGuarda anche questo approfondimento completo sull'accumulo fotovoltaico.

Il sistema può essere definito  "integrato" o "all-in-one" perché contiene, in un unico involucro, tutti i componenti per poter funzionare (batterie, inverter delle batterie ed elettronica). Questo comporta diversi vantaggi: un minore ingombro ed un design più elegante, la perfetta integrazione tra i componenti, un unico interlocutore in caso di malfunzionamenti, un unico responsabile della garanzia.

Modalità operativa

Un'altra domanda che devi porti quando scegli un sistema di accumulo riguarda la sua modalità operativa: accoppiamento in CA (corrente alternata) o in CC (Corrente Continua).
I pannelli fotovoltaici producono energia in corrente continua (CC), ma l'impianto elettrico domestico funziona in corrente alternata (CA). Per questo è necessario un inverter solare che converte l'elettricità CC in elettricità CA, adatta per alimentare i dispositivi elettrici della tua casa.

Lo stesso vale per il sistema di accumulo. Le batterie immagazzinano e restituiscono energia in CC che, per essere utilizzata, deve essere convertita da un inverter. Per fare ciò può essere utilizzato l'inverter fotovoltaico (si tratterà allora di accoppiamento in CC) oppure un secondo inverter, a volte già integrato nel sistema.
In quest'ultimo caso sulla scheda tecnica,  alla voce "modalità operativa" puoi trovare indicato "automatica in AC".
 

Dati tecnici sistema di accumulo e batteria fotovoltaica

Per quanto riguarda le batterie di accumulo, la prima cosa da valutare in fase di scelta è la tipologia. Attualmente il mercato è polarizzato su due macro-categorie di storage per l'energia: batterie al piombo e batterie al litioIn questo approfondimento, le abbiamo messe a confronto per capire quali sono le più vantaggiose.

Per poter dimensionare correttamente il tuo sistema di accumulo fotovoltaico devi tener conto della capacità della batteria in relazione ai tuoi consumi energetici. Ma la scelta deve tenere in considerazione anche altri fattori, che rappresentano ulteriori plus del prodotto. I principali sono i seguenti:

  • Energia nominale o lorda: è la quantità di energia (in kWh) che si può estrarre dal sistema durante la scarica, partendo da una condizione di piena carica fino alla scarica completa.
  • Energia utilizzabile o netta: questo dato, espresso in kWh, indica quanta energia elettrica la batteria è effettivamente in grado di rilasciare.
  • Profondità di scarica (DoD - Depth of Discharge): è un valore percentuale che esprime, rispetto all'energia nominale della batteria, la quantità di energia che la batteria è realmente in grado di fornire. Più questo dato si avvicina al 100%, più capiente sarà la batteria.
  • Potenza di scarica: è la potenza che la batteria è in grado di erogare al momento della scarica. Questo dato, espresso in W, rappresenta la potenza massima che puoi utilizzare in più rispetto a quella del tuo contatore domestico.
  • Numero di cicli di carica: più alto è il numero dei cicli, maggiore sarà la durata della batteria. Il massimo numero di cicli attualmente offerti sul mercato è di 12.000, che equivale ad una vita utile di oltre 20 anni. Per alcune batterie questo valore scende addirittura a 4/5.000.
  • Temperatura ambientale: per assicurarti ottime prestazioni e una lunga vita, la batteria deve essere collocata in ambienti con temperature minime e massime specifiche. Questi valori sono indicati nella scheda tecnica, sotto la voce "temperatura ambientale". La voce "temperatura di immagazzinamento" si riferisce alla temperatura alla quale vanno stoccate in magazzino le batterie prima dell'installazione.

Altri fattori da considerare per la scelta del sistema di accumulo sono: 

  • Garanzia: come ogni apparecchio elettrico, anche i sistemi di accumulo sono coperti da una garanzia del produttore. La garanzia standard più elevata attualmente presente sul mercato è di 10 anni, ma un'azienda consente di estenderla addirittura fino a 20 anni.
  •  Capacità residua minima: questo valore indica la percentuale di capacità nominale della batteria garantita allo scadere dei termini di garanzia. Anche in questo caso è bene assicurarsi che il valore sia più alto possibile.
  • Peso e dimensioni: Dovendo collocare il sistema di accumulo all'interno dell’abitazione è bene considerare anche ingombri e volumi, e tener conto del peso, se stai valutando di optare per un modello a muro piuttosto che a pavimento.

Ci sono infine altri elementi da tener presenti quando si sceglie una batteria fotovoltaica, che possono darti un'idea della qualità e dell'affidabilità del prodotto che stai per acquistare.

  • Alimentazione di back-up: si tratta di una funzionalità aggiuntiva, che solo pochi sistemi offrono. Tuttavia è molto importante in quanto garantisce una certa disponibilità di energia anche in caso di black-out elettrico.
  • Sistema di monitoraggio: i sistemi di accumulo più avanzati sono dotati di un sistema di monitoraggio integrato che consente di controllare da remoto che il sistema di accumulo e l'impianto fotovoltaico funzionino sempre correttamente.
  • Premi e certificazioni: gli eventuali riconoscimenti rilasciati da enti e istituti di ricerca o media specializzati attestano la qualità e le prestazioni del prodotto.
  • Possibilità di integrazione con altri sistemi: un sistema di accumulo intelligente, pronto a integrarsi con altre tecnologie e servizi, come la domotica, la mobilità elettrica, il bilanciamento della rete elettrica e l'energy sharing, rappresenta un grande vantaggio per il futuro. 

Ora che sai come leggere e interpretare le informazioni contenute nella scheda tecnica di una batteria fotovoltaica, sei pronto a valutare con consapevolezza qual è il sistema di accumulo più adatto a te. Prova il configuratore e fatti un'idea dei prezzi in 2 minuti.

Configuratore online
Tecnico SENEC che consiglia la soluzione migliore di accumulo fotovoltaico

Trova il sistema di accumulo fotovoltaico adatto alla tua casa.

Scopri il prezzo

Articoli correlati

Accumulatori di energia per uso domestico: scegliere in 10 passi
Ein Stromspeicher in einem modernen Wohnhaus platziert.

Accumulatori di energia: oltre a conoscerne vantaggi e risparmio, scopri anche come scegliere l...

assistente tecnico

Scritto da Fabio Colucci

Batteria fotovoltaica e sistema di accumulo sono MOLTO diversi
Consulting

Che differenza c’è tra batteria fotovoltaica e sistema di accumulo? E perché scegliere un...

assistente tecnico

Scritto da Fabio Colucci

Accumulo fotovoltaico: conviene o no?
Accumulo fotovoltaico a casa

Accumulo fotovoltaico conviene o non conviene? Rispondiamo a questa domanda e vediamo in quali casi...

valentina de carlo_autore blog

Scritto da Valentina De Carlo