Persone che progettano un impianto fotovoltaico

Impianti fotovoltaici

Elettricità solare sostenibile per generare energia in modo più indipendente

Elettricità solare autoprodotta

Gli impianti fotovoltaici non sono un semplice trend: installare un impianto solare sul tetto di casa diminuisce la dipendenza dai prezzi dell’elettricità in costante aumento e fornisce un contributo alla transizione energetica.

Il fotovoltaico è l’energia del futuro

L’energia solare sta prendendo sempre più piede. In un periodo storico in cui i prezzi dell’energia sono in aumento e vi è un progressivo allontanamento dai combustibili fossili, la richiesta di soluzioni per generare energia sostenibile e conveniente è più forte che mai. Il fotovoltaico è la soluzione più semplice attualmente disponibile sul mercato. L’installazione di moduli fotovoltaici fissi sul tetto consente di generare elettricità pulita per la casa e, se abbinata a un sistema di accumulo fotovoltaico adeguato, permette di utilizzare l’elettricità solare anche di sera e di notte.

Perché installare un impianto fotovoltaico sul tetto di casa conviene

Guardate il nostro video e scoprite perché avere un impianto fotovoltaico sul tetto è una buona idea e gli aspetti principali da tenere in considerazione prima dell’acquisto.

Grauer Hintergrund
By playing the video, you load content from YouTube, a service of Google LLC. You can find more information on how data is processed in Google LLC's data protection declaration.

Come funziona un impianto fotovoltaico?

Un impianto fotovoltaico trasforma la luce del sole in corrente elettrica. La sua struttura è pensata per sfruttare l’effetto fotoelettrico. Un modulo solare è composto da tante celle solari, che a loro volta sono formate da numerosi strati di semiconduttori. Quando la luce del sole colpisce una di queste celle, gli strati di semiconduttori rilasciano elettroni. Tra gli strati si crea una differenza di potenziale (voltaggio) che viene assorbita attraverso i contatti sotto forma di corrente continua (CC). La corrente ricavata viene quindi trasportata all’interno dell’edificio da un cavo elettrico e convertita in corrente alternata (CA).

Lampada trasparente che si accende

Corrente continua e corrente alternata

Gli impianti fotovoltaici generano corrente continua (CC), ma gli apparecchi domestici richiedono la corrente alternata (CA). Pertanto, prima di poter essere usata, l’elettricità solare deve essere convertita in corrente alternata. Questa conversione viene eseguita da un inverter, necessario per completare l’impianto fotovoltaico. Se si installa un impianto fotovoltaico in combinazione con un sistema di accumulo, potrebbe non essere necessario dover acquistare un inverter separato, poiché questo è spesso già integrato nel sistema.

Componenti di un sistema fotovoltaico

Un impianto fotovoltaico è composto da tanti moduli che connettono numerose celle solari . La tecnologia fotovoltaica è speciale perché si serve dell’energia solare liberamente disponibile in natura, ma non solo: genera energia senza l’ausilio di alcun componente rotante o in movimento. Pertanto, l’energia solare è la soluzione ideale per chi desidera rifornirsi di energia in modo autonomo. Basta installare i moduli fotovoltaici sul tetto di casa e il gioco è fatto. Non si genera alcuna vibrazione e non ci sono parti soggette a usura che richiedono una manutenzione regolare. I moduli sono installati sul tetto tramite speciali sistemi di montaggio . Se una casa è stata costruita di recente o se il tetto è stato ristrutturato, è anche possibile integrare l’impianto fotovoltaico sotto le tegole . Questa soluzione è esteticamente più elegante, ma riduce la performance del sistema e rende più difficile il raffreddamento dei moduli. L’energia elettrica prodotta dall’impianto fotovoltaico viene trasportata dai cavi del tetto al contatore dell’abitazione, dove può essere utilizzata direttamente, immagazzinata per un uso successivo o immessa in rete .

Quali sono le dimensioni ideali di un sistema fotovoltaico?

Quando si tratta di dover calcolare le dimensioni del proprio impianto fotovoltaico, ci sono due fattori da tenere in considerazione:

  • l’area di tetto disponibile
  • il proprio consumo di elettricità

A seconda del tipo di modulo e della capacità, in generale un modulo solare di 10 m² di superficie presenterà una resa di 1 kilowatt picco (kWp) ed è in grado di generare circa 1.000 kWh all’anno. Idealmente, l’elettricità prodotta con il proprio impianto di energia solare dovrebbe soddisfare almeno i consumi annuali di elettricità. È possibile determinare il consumo annuale di elettricità consultando i conguagli annuali delle utenze degli ultimi anni.

Esempio di calcolo

Nucleo famigliare di quattro persone
Consumo annuo di elettricità: 5.000 kWh
Consumo di elettricità pari a 5.000 kWh = impianto fotovoltaico con 5 kWp di capacità = 50 m² di moduli solari

Nucleo famigliare di quattro persone con pompa di calore e veicolo elettrico
Consumo annuo di elettricità: circa 12.000 kWh
Consumo di elettricità pari a 12.000 kWh = impianto fotovoltaico con 12 kWp di capacità = 120 m² di moduli solari

In presenza di una superficie sufficientemente estesa sul tetto, consigliamo di progettare l’impianto con una certa lungimiranza. La mobilità elettrica è in aumento e le pompe di calore sono sempre più diffuse: è quindi probabile che in futuro il fabbisogno di energia aumenterà invece di diminuire. Progettare un impianto fotovoltaico in grado di coprire un fabbisogno superiore a quello attuale può essere una buona idea, ad esempio per ricaricare in un secondo momento il proprio veicolo elettrico con l’energia solare di casa.

Installare un impianto a energia solare sul tetto

Prima di installare l’impianto fotovoltaico sul tetto, un partner specializzato SENEC ispezionerà la proprietà e fornirà una consulenza dettagliata. In questo modo sarà possibile chiarire qualsiasi questione: 

  • modalità di installazione dei moduli solari: direttamente sul tetto o su una sottostruttura
  • Posizionamento dei cavi che partono dal tetto ed entrano in casa
  • Numero di pannelli solari necessari
  • Scelta del tipo di pannelli
  • Eventuale installazione di altri componenti, ad esempio un sistema di accumulo

Un team di tecnici esperti si occuperà di eseguire l’installazione. Numerose ditte specializzate nel fotovoltaico dispongono di propri installatori. Per installare un impianto fotovoltaico sono necessari circa due giorni. In questo periodo bisognerebbe cercare di essere presenti in casa o almeno di essere reperibili.

Requisiti strutturali per un impianto fotovoltaico

Requisiti strutturali

Orientamento del tetto

I tetti orientati a sud offrono il migliore rendimento perché l’apporto di energia solare è massimo quando il sole si trova a sud, verso mezzogiorno. Con un tetto orientato a sud-ovest o a sud-est si ottiene un rendimento simile. Le case con tetto orientato a est-ovest  consentono di generare energia in modo uniforme durante tutta la giornata. Questa soluzione è ideale se si ha intenzione di coprire il proprio fabbisogno elettrico principalmente con energia autoprodotta. I tetti che presentano un orientamento a nord non sono adatti per gli impianti fotovoltaici.

Requisiti strutturali

Inclinazione del tetto

Anche l’inclinazione del tetto influisce sulla resa elettrica. In linea di massima, gli impianti fotovoltaici possono essere installati su tetti di qualsiasi inclinazione. Uno specialista SENEC provvederà a orientare i moduli solari sul tetto in modo tale da ottimizzarne la resa. I moduli possono essere installati anche su tetti piatti, servendosi di una sottostruttura per ottenere l’angolazione migliore.

Requisiti strutturali

Tipi di tetto e materiali

Quasi tutti i comuni tipi di tetto e materiali consentono l’installazione di moduli solari. Fanno eccezione solo i tetti di paglia, di legno e in altri materiali naturali. Uno specialista SENEC ispezionerà attentamente il tetto per determinare se l’impianto richiede una sottostruttura, qual è la superficie disponibile sul tetto e se sono presenti lucernari, comignoli o altri elementi che limitano l’area utile.

Photovoltaik-Module

È necessario un permesso per costruire per poter installare un impianto fotovoltaico?

Nella maggior parte dei casi, per installare un impianto fotovoltaico non è necessario alcun permesso per costruire. Questo vale in particolare se i moduli solari sono montati in parallelo sul tetto: sebbene la loro installazione sia da considerarsi una misura edilizia, di solito non è richiesto alcun permesso o autorizzazione. Solo per gli edifici storici o tutelati è richiesta un’autorizzazione preventiva per l’installazione di impianti fotovoltaici. Inoltre, i singoli Comuni possono stabilire norme specifiche nei propri piani regolatori, ad esempio in caso di vincoli paesaggistici. La cosa migliore da fare prima di iniziare a progettare un impianto fotovoltaico è informarsi sulle norme edilizie applicabili.

Impianti a energia solare e impianti fotovoltaici: qual è la differenza?

I termini “impianto a energia solare” e “impianto fotovoltaico” sono spesso usati in modo simile, ma c’è una differenza. Per “impianto a energia solare” s’intende qualsiasi tipo di impianto che trasforma l’energia solare in un altro tipo di energia. Questo include gli impianti fotovoltaici, che sono dotati di celle solari che trasformano la luce del sole in elettricità. Poi ci sono gli impianti solari termici, che sono un po’ diversi. Tali sistemi includono infatti termoconvettori solari, che servono a riscaldare l’acqua per uso domestico. Gli impianti solari termici non trasformano la luce del sole in energia elettrica, ma in calore. Tuttavia, qualora la scelta ricada su un impianto fotovoltaico, questo non significa che si debba rinunciare a un sistema di produzione di acqua calda a energia solare. È possibile installare una pompa di calore o un elemento riscaldante per il boiler di casa, in modo da usare l’elettricità generata dal sole per ottenere acqua calda.

Consigli per l’acquisto di un impianto a energia solare

Avete già deciso di acquistare un impianto fotovoltaico? Guardate il nostro video per scoprire i diversi passaggi quali preparazione, progettazione e installazione.

Grauer Hintergrund
By playing the video, you load content from YouTube, a service of Google LLC. You can find more information on how data is processed in Google LLC's data protection declaration.

Lista di controllo per la progettazione di un impianto fotovoltaico

  • Forma e materiale del tetto: gli impianti fotovoltaici possono essere installati su qualsiasi tipo di tetto, ad eccezione di tetti di paglia, erba o legno.
  • Inclinazione del tetto: sui tetti piani e su alcuni tetti a falda è necessario servirsi di una sottostruttura per installare i moduli fotovoltaici.
  • Orientamento: solo i tetti con orientamento a nord non sono adatti per gli impianti fotovoltaici
  • Superficie del tetto disponibile: quanti m² di tetto sono disponibili? Il tetto presenta lucernari, comignoli o altri elementi che ne riducono la superficie utile?
  • Fabbisogno di elettricità: a quanto ammonta il consumo annuo di elettricità? Quale capacità deve possedere l’impianto fotovoltaico?
  • Regolamenti edilizi locali: la normativa edilizia locale prevede divieti o requisiti specifici? L’edificio è incluso nella lista degli edifici storici/protetti?
  • Fenomeni meteorologici: il tetto è particolarmente esposto al vento? Il territorio su cui si trova la casa è soggetto a fenomeni meteorologici estremi?
  • Fattori estetici: il colore o il design dei pannelli solari riveste particolare importanza?
  • Garanzia: l’impianto è provvisto di una garanzia di prodotto e di una garanzia sul funzionamento? Chi fornisce tale garanzia? Vi è la certezza che la ditta esisterà ancora fra venti anni?

Gli impianti fotovoltaici convengono?

Negli ultimi anni, il prezzo degli impianti fotovoltaici è diminuito drasticamente. L’energia solare è attualmente il metodo più economico per generare elettricità, anche se l’installazione di un impianto a energia solare rappresenta pur sempre un investimento iniziale. Sul lungo termine, un impianto a energia solare rappresenta un investimento conveniente, anche solo per quanto riguarda i prezzi dell’elettricità e per l’aumento dei consumi di elettricità in generale. Qualora si decida di produrre energia solare in autonomia, la quantità di elettricità che verrà acquistata dalla rete pubblica sarà nettamente inferiore.

Sfruttare l’elettricità solare tutto l’anno con un impianto fotovoltaico e un sistema di accumulo fotovoltaico

Sono in molti a chiedersi se investire in un impianto a energia solare in Italia sia una scelta conveniente. Con l’avanzare della transizione energetica, la tecnologia solare ha fatto passi da gigante: i moderni moduli fotovoltaici assicurano prestazioni eccellenti anche in condizioni di scarsa luminosità e sono in grado di generare elettricità anche quando il cielo è nuvoloso. Inoltre, è possibile collegare l’impianto fotovoltaico a un sistema di accumulo. In questo modo si provvede a immagazzinare l’elettricità prodotta dall’energia solare che non viene usata immediatamente, per farne poi un uso mirato la sera o in caso di condizioni meteorologiche avverse.

Quanto costa un impianto fotovoltaico?

La forte domanda di energie rinnovabili non ha solo reso gli impianti a energia solare più potenti, ma ha anche contribuito ad abbassarne i prezzi, rendendoli più accessibili. Acquistare un impianto fotovoltaico non è mai stato così facile, ma ciascun sistema deve essere personalizzato e progettato tenendo in considerazione le condizioni in loco. Di conseguenza non è possibile stabilire un prezzo di base universalmente valido. SENEC sa quanto importante è una consulenza esaustiva e un’offerta su misura, in grado di venire incontro alle esigenze di ciascun cliente, senza sorprese o costi nascosti.

FAQ - Domande frequenti sugli impianti fotovoltaici

FAQ - Domande frequenti sugli impianti fotovoltaici

È necessario registrare l’impianto fotovoltaico presso il proprio operatore di rete poiché è lui a emettere i pagamenti relativi all’energia immessa. L’installatore dovrà registrare l’impianto. In aggiunta, il proprietario deve registrare l’impianto ed eventualmente anche il sistema di accumulo presso l’Agenzia federale tedesca preposta alla gestione delle reti (BNetzA). La registrazione è obbligatoria e deve essere completata su www.marktstammdatenregister.de entro un mese dal conferimento dell'incarico relativo all'installazione dell’impianto.

Si consiglia vivamente di includere l’impianto fotovoltaico e gli eventuali sistemi di accumulo nella polizza assicurativa della propria abitazione. In tal modo l’impianto risulterà assicurato contro eventuali danni causati da incendi, tempeste, grandine, acqua fuoriuscita dalle tubature o da sovratensione. Qualora si desideri un’ulteriore protezione, ad esempio contro il furto, difetti tecnici o installazione inadeguata, consigliamo di stipulare una polizza assicurativa speciale per gli impianti fotovoltaici.

moduli solari forniti da SENEC assicurano una performance eccellente anche in condizioni di scarsa luce. Questo significa che continuano a generare un quantitativo di elettricità relativamente alto anche quando il cielo è nuvoloso o in caso di pioggia. L’unico momento in cui l’impianto fotovoltaico non è in grado di generare elettricità è di notte, ma questo è uno dei motivi per cui abbiamo sviluppato il sistema di accumulo SENEC.Home, che consente di usare di notte l’elettricità solare prodotta durante il giorno.

I moderni moduli solari resistono sul tetto fino a 30 anni e sono costantemente esposti al vento e alle intemperie. I moduli solari SENEC sono appositamente studiati per resistere a tempeste, nevicate e a chicchi di grandine fino a 2,5 cm di diametro senza subire alcun danno. La qualità e la durata dei nostri moduli fotovoltaici è stata testata e certificata in modo indipendente.

Se installati correttamente, i moduli solari solitamente non richiedono alcun tipo di manutenzione. Sono progettati per funzionare a lungo e, poiché non presentano alcun componente mobile, non sono soggetti a usura. Tuttavia, è consigliabile prendere in considerazione un’ispezione annuale per escludere eventuali danni ai cavi o qualsiasi altro problema.

La sicurezza antincendio è un aspetto importante per tutti gli impianti elettrici. Anche nel caso degli impianti fotovoltaici, la sicurezza è garantita solo in caso di un’installazione corretta e attenta. Gli esperti del  Fraunhofer Institute for Solar Energy Systemslo confermano: “Gli impianti fotovoltaici non rappresentano un rischio di incendio più elevato rispetto ad altri impianti tecnici.” In ogni caso, per ridurre al minimo i rischi è necessario affidarsi a produttori di alta qualità e a imprese di installazione certificate.

Sì. Gli impianti a energia solare non inquinano e ogni kilowattora di elettricità prodotta con l’energia solare consente di risparmiare oltre 600 g di emissioni di CO₂ (la quantità di anidride carbonica normalmente generata con i metodi tradizionali). Pertanto gli impianti fotovoltaici contribuiscono attivamente alla salvaguardia del clima. Un impianto fotovoltaico ammortizza l’energia necessaria alla sua costruzione in circa due anni, Inoltre, i moduli fotovoltaici possono essere riciclati al termine della loro vita utile. Investendo in un impianto fotovoltaico, si contribuisce in modo concreto e in molti modi alla salvaguardia del clima e dell’ambiente.